Ingrandisci il Font (+) | Riduci il Font (-) | Cambia Contrasto (/) | Default

LaTeX


Il LaTeX è un linguaggio di marcatura ampiamente usato, in particolar modo nel mondo accademico, per la scrittura di testi contenenti formule. Le formule vengono scritte mediante una sequenza di istruzioni in linea. Per esempio la frazione un mezzo, in linguaggio LaTeX si scrive come \frac{1}{2}.
Trattandosi di un linguaggio che utilizza una struttura in linea (unidimensionale), anche per scrivere le formule, è adatto per essere maneggiato da screen reader e barre braille. Un file LaTeX può essere successivamente compilato da opportuni editor per realizzare, ad esempio, file pdf in cui le formule sono visualizzate nella maniera classica.

Per poter usare il linguaggio LaTeX occorre in primo luogo installare la sua distribuzione. In ambiente Windows si consiglia MiKTeX:

Link download MiKTeX.

In ambiente Mac si consiglia MacTeX:

Link download MacTeX.

Tali software non verranno usati per scrivere, ma al massimo per installare pacchetti.
Una volta installata una distribuzione del LaTeX, occorre installare un editor, ovvero il software che si userà per scrivere il testo.
In ambiente Windows si consiglia TeXnicCenter:

Link download TeXnicCenter.

In ambiente Mac si consiglia TeXworks:

Link download TeXworks.

Qui di seguito riportiamo un semplice esempio di una pagina scritta in LaTeX:

\documentclass[a4paper,11pt]{article}

\usepackage[latin1]{inputenc}
\usepackage{amsmath}

\title{Impariamo il LaTex}
\author{Nome autore}
\begin{document}

\maketitle

Proviamo a scrivere una generica equazione di terzo grado: $ax^3+bx^2+cx+d$.\\
Ora scriviamo un'espressione contenente frazioni e radici andando a capo e centrando l'equazione:
\begin{equation}
\phi=\cfrac{1+\sqrt{5}}{2}
\end{equation}
Abbiamo scritto phi (lettera greca) uguale a frazione numeratore uno più radice di cinque denominatore due.\\
\end{document}

Analizziamo e commentiamo insieme quanto scritto sopra.
La prima riga da scrivere in un file .tex è sempre
\documentclass[a4paper,11pt]{article}
all'interno delle parentesi graffe si possono mettere opzioni diverse, ad esempio article, book o altre ancora. In questo modo si dichiara semplicemente il tipo di testo che si sta scrivendo e questo determina la formattazione (margini, ecc...). Tra parentesi quadre ci sono delle altre opzioni, 11pt ad esempio indica la grandezza dei caratteri.

Il comando \usepackage serve per utilizzare i pacchetti, ovvero rendere attivi dei comandi. Nelle righe sopra troviamo scritto ad esempio
\usepackage[latin1]{inputenc}
\usepackage{amsmath}
il pacchetto amsmath serve per poter usare alcuni comandi per scrivere formule. Ad esempio rende attivi i comandi per scrivere le lettere greche. Il pacchetto inputenc serve per gli accenti delle lettere. Seguono poi i comandi per scrivere titolo e eventualmente l'autore del testo.

Con il comando \begin{document} si determina l'inizio vero e proprio del documento che si sta scrivendo. Il testo del documento deve essere scritto tra \begin{document} e \end{document}.

Il comando \maketitle fa visualizzare il titolo e il nome dell'autore quando si realizza eventualmente il file pdf.

I comandi delle formule come si può vedere sono molto intuitivi. Una formula va sempre scritta tra dollari. Se si usano i comandi \begin{equation} e \end{equation} la formula viene centrata e numerata automaticamente nel file pdf. Lo stesso risultato si ottiene se si scrive la formula tra doppi dollari, in questo caso non viene però numerata. Il comando \\ serve per andare a capo.

Per realizzare il file pdf a partire dal file tex (utile ad esempio per consegnare dei compiti o delle tesine, ma non utile in termini di accessibilità) si può "compilare" il file tex premendo i tasti Ctrl+Maiusc+F5. Il file in questo modo viene compilato e se non sono presenti errori viene prodotto come output un file pdf.

Per imparare i primi comandi e alcuni rudimenti di questo linguaggio si consiglia di consultare i seguenti link

Introduzione al LaTeX di John Gardner.

Alcuni comandi del LaTeX.

Esistono programmi come BlindMath (solo WIndows) e come latex-access (gratuiti) che incrementano l'accessibilità e usabilità del LaTeX sia per leggere che per scrivere testi con formule.

NOTA 1: Se si utilizza Acrobat Reader DC come viusalizzatore di file pdf, occorre settare in maniera opportuna l'editor TexnicCenter per una corretta creazione del file pdf. Seguire le seguenti istruzioni:
  • Aprire il menù Build e cliccare su Define Output Profiles (tasto rapido ALT+F7). La finestra che si apre risulta poco compatibile con gli screen reader.
  • Si aprirà una finestra di dialogo che contiene un elenco di 7 elementi. In questo elenco accertarsi che sia selezionato il terzo elemento "LaTeX PDF"
  • Posizionarsi poi all'interno di questa finestra di dialogo sul menù Viewer.
  • Nella prima opzione Executable path accertarsi che sia inserito il percorso corretto dove è installato Acrobat Reader DC. Solitamente il percorso è C:\Program Files(x86)\Adobe\Acrobat Reader DC\Reader\AcroRd32.
  • Nei tre campi di editazione intitolati Server scrivere acroviewR17 (prestare attenzione a lettere maiuscole e minuscole).
  • Nei tre campi di editazione intitolati Topic scrivere control.

NOTA 2: Per costruire il file pdf da un file LaTeX usando TexnicCenter usare il comando rapido SHIFT+CTRL+F5 (solo per Windows), corrispondente alla voce Build and view output nel menù Build. Si noti che se si apre il menù Build, tale voce non risulta disponibile a causa di un piccolo bug dell'editor. Affidarsi quindi al comando rapido descritto precedentemente per utilizzarlo.